Home / About Us / News / 10 suggerimenti per rendere minima la luce invasiva

10 suggerimenti per rendere minima la luce invasiva

Jun 10, 2020

Essere dove conta

Le migliori prestazioni sportive richiedono agli atleti di giocare quando e dove serve. Lo stesso vale per le migliori prestazioni di illuminazione sportiva. L'illuminazione ottimale delle strutture sportive, sia a livello professionale che ricreativo, richiede soluzioni intelligenti che offrano un'eccellente qualità dell'illuminazione mantenendo al minimo gli effetti negativi.

Thorn si impegna a fornire la luce giusta per le persone, i luoghi e l'ambiente, come ha fatto per numerose strutture sportive indoor e outdoor di ogni dimensione. I 10 punti seguenti forniscono linee guida per ridurre gli effetti problematici della luce quando si progetta in ambito sportivo.

10 suggerimenti per rendere minima la luce invasiva

1. Che cos'è la luce invasiva?

Il termine luce invasiva si riferisce ai vari effetti dannosi che l'illuminazione può provocare nelle aree circostanti ai centri sportivi. È importante tenere presente quanto segue:

Inquinamento luminoso, bagliore nel cielo notturno

Luce dispersa, la luce che ricade nelle zone limitrofe

Luce intrusiva, la luce che disturba chi si trova nelle aree adiacenti; riferita anche alla luce che penetra all'interno delle residenze private

Ulteriori considerazioni:

Abbagliamento, luce che può creare una sensazione di fastdio e quindi non confortevole

Flicker, sfarfallio della luce

2. Quali norme generali applicare?

La EN 12193, la norma europea per l'illuminazione sportiva indoor e outdoor, definisce i limiti consentiti per  la luce dispersa e l'abbagliamento. Si basa su tre livelli di competizioni: professionali, regionali/locali e allenamento/ricreazione. Altri requisiti sono definiti dalle federazioni sportive come la FIFA e dalle autorità locali. Il documento su cui si basano le raccomandazioni è LA CIE 150. I tecnici di Thorn sono esperti nel settore delle normative e possono fornirvi supporto.

3. Come si calcola l'inquinamento luminoso?

Oggigiorno, i proiettori di nuova generazione sono comunemente utilizzati anche nei piccoli impianti sportivi all'aperto. Sia in questi impianti che nelle grandi installazioni, bisogna fare attenzione a ridurre al minimo l'illuminazione verso il cielo notturno e l'interruzione dell'ecosistema circostante. La percentuale di luce verso l'alto o ULR svolge qui un ruolo cruciale. Viene utilizzata per misurare la proporzione di luce emessa da un apparecchio in corrispondenza o al di sopra dell'orizzonte quando installato. Le soluzioni senza inclinazione come il proiettore LED Champion di Thorn non emettono praticamente flusso luminoso verso l'alto, il che lo rende ideale per piccoli stadi e campi di allenamento che vogliono ridurre al minimo l'inquinamento luminoso.

4. Che cosa può controllare la luce dispersa?

La luce dispersa e invasiva può disturbare aree residenziali, infrastrutture e persone che si trovano nelle immediate vicinanze di impianti sportivi. La riduzione si ottiene al meglio con tecnologie di illuminazione dotate di ottiche precise che dirigono la luce solo dove necessario. Esempio: il proiettore a LED modulare e potente Altis di Thorn. Offrendo opzioni di configurazione altamente flessibili per un'ampia gamma di applicazioni, dirige la luce con un cut-off ben definito per minimizzare in modo molto efficace la luce dispersa.

5. E l'abbagliamento?

L' "effetto alone" spesso associato all'abbagliamento può influire negativamente sulle prestazioni degli atleti e ostacolare la visibilità degli spettatori. Il sistema di valutazione CIE 112 sviluppato dalla Commissione internazionale per l'illuminazione fornisce linee guida e una scala di valutazione per valutare i livelli di abbagliamento degli impianti di illuminazione per sport all'aperto. Un proiettore a LED come Areaflood Pro di Thorn ha un ottimo valore. Con un pacchetto lumen ottimizzato per tre taglie, ottiche eccellenti e sistemi di controllo dell'illuminazione, soddisfa al massimo i livelli d'illuminamento riducendo contemporaneamente l'abbagliamento.

6. Il flickering è un problema?

Il flickering, la rapida serie di impulsi luminosi tipici dell'illuminazione artificiale, può anche avere effetti dannosi per l'uomo e le altre specie animali. Inoltre, può essere problematico per le trasmissioni TV HD o 4K negli stadi e nei palazzetti, in particolare per l'acquisizione di immagini in super slow motion. Si raccomanda un fattore di flickering inferiore al 6% con apparecchi convenzionali ed inferiore all'1% con i LED che possono essere dimmerati ed utilizzati in modo dinamico. Le soluzioni di illuminazione a LED senza flickering di Thorn garantiscono una resa cromatica brillante e una distribuzione della luce uniforme con effetti negativi minimi.

7. Come possono essere d'aiuto i sistemi di controllo?

La maggior parte delle strutture sono polifunzionali, utilizzate per vari sport e altre attività, ognuna delle quali richiede livelli di illuminazione e scenari diversi. Le soluzioni intelligenti di controllo dell'illuminazione consentono una regolazione e un bilanciamento del livello di luce rapidi e convenienti. Possono essere preprogrammati per spegnere l'illuminazione quando non serve, contribuendo in modo significativo a ridurre al minimo l'eccessiva luminosità durante la notte risparmiando anche energia e costi di manutenzione. Thorn offre una gamma di pacchetti di controllo dell'illuminazione altamente efficaci per impianti sportivi indoor e outdoor professionali e ricreativi.

8. Quanto conta il design degli apparecchi?

Gli apparecchi con schermatura altamente efficiente e il design ottimizzato dei riflettori consentono un ulteriore controllo della dispersione luminosa e dell'abbagliamento contenendo la luce all'interno o reindirizzandola sulla superficie di gioco. Champion LED di Thorn può essere equipaggiato con visiera verniciata antracite o di materiale altamente riflettente, entrambi con un eccellente controllo della luce. Quando un design intelligente si combina con sistemi di controllo intelligenti, è spesso possibile realizzare installazioni con un minor numero di apparecchi e pali.

9. Quali sono i vantaggi di un'illuminazione a LED?

Gli apparecchi a LED possono essere dimmerati con facilità, o spenti, al bisogno. Inoltre, sono solitamente progettati per indirizzare in maniera precisa il fascio luminoso. In questo modo, aiutano a prevenire la dispersione della luce nelle aree adiacenti all'impianto sportivo. Le caratteristiche di design dei proiettori a LED di Thorn, offrono ulteriori garanzie contro l'inquinamento luminoso. Il potente proiettore Altis, ad esempio, riduce fortemente la luce dispersa con l'ottica asimmetrica che spinge avanti la luce a 0° d'inclinazione.


10. Quanto è importante una corretta pianificazione?

Il proliferare di sistemi di illuminazione sportiva anche in strutture più piccole negli ultimi anni ha portato ad un aumento dell'inquinamento luminoso in tutto il mondo. Ha inoltre suscitato una maggiore consapevolezza della necessità di progettare e pianificare con cura un nuovo impianto di illuminazione o retrofit, soprattutto in considerazione dell'ampia diversità delle strutture sportive. Gli esperti di Thorn sono molto competenti nel progettare e implementare sistemi di illuminazione sportiva che offrano prestazioni ottimali con inquinamento minimo. Possono offrire assistenza in ogni fase di progetto d'illuminazione sportiva, anche chiavi in mano.

← Torna a Overview